La posizione di garanzia del dirigente e quella del dipendente: poteri impeditivi e poteri di segnalazione

Il 15 marzo 2024 il nostro Danilo Cilia ha avuto il piacere di partecipare, come relatore, al convegno “Sicurezza e infortuni sul lavoro”, organizzato dalla Fondazione Forense dell’Ordine degli Avvocati di Milano.

❓In particolare, ci si è chiesti: il dipendente non apicale può rispondere del reato colposo d’evento in quanto destinatario di una posizione di garanzia rispetto al bene (vita, incolumità individuale, ecc.) protetto dalla fattispecie colposa?

🏛 La prassi ci dice che:

👉 anche in capo al dipendente non dotato di poteri apicali può essere riconosciuta una posizione di garanzia;

👉 i contenuti consistono in obblighi di segnalazione, consistenti nella sollecitazione dei superiori apicali ad esercitare i poteri impeditivi di cui siano direttamente dotati;

👉 in definitiva: la mancata attivazione del potere/dovere di segnalazione può costituire il fondamento della responsabilità penale a carico del dipendente non apicale, a condizione che possa affermarsi, in termini controfattuali e con elevato grado di probabilità logica, che il corretto esercizio del dovere di segnalazione avrebbe (attivato il potere impeditivo del superiore apicale, e quindi) impedito l’evento.

Un ringraziamento speciale a Avv. Giovanna Fantini, Enrico Giarda per l’ospitalità e la squisita accoglienza, e agli ottimi Alessandra Rovescalli, Angela Zucchetti, Emanuela Gallo, Fabrizio Salmi e Antonella Carbone per i pregevoli contributi forniti al confronto.

sicurezzalavoro hashtaghse